Le turbine eoliche danneggiano gli animali, ma ecco le soluzioni

Uno dei tipi di energia più ecologici pone un problema di conservazione: i parchi eolici possono portare a collisioni con uccelli e pipistrelli. C'è un modo per costruirli in modo che non danneggino gli animali?

0
2068

Una delle forme di energia più pulita che abbiamo sul pianeta, che sta anche crescendo rapidamente, ha però spesso conseguenze mortali per la fauna selvatica. Le turbine eoliche infatti, tecnologia che molti considerano una componente necessaria nella lotta al cambiamento climatico, possono uccidere gli animali presenti nell’aria, lasciando implicazioni durature lungo tutta la catena alimentare.

Gli uccelli e i pipistrelli  sono vittime comuni delle turbine eoliche, eppure il danno potrebbe essere ridotto aggiungendo deterrenti per rendere le pale più evidenti.

L’esempio dell’isola di Principe Edoardo, in Canada

Dalle morti per collisione diretta allo spostamento da aree di alimentazione o nidificazione, al degrado o alla perdita dell’habitat, i parchi eolici possono avere impatti negativi sulla biodiversità, con uccelli e pipistrelli particolarmente colpiti.

Il tiro alla fune tra le turbine eoliche e la conservazione della fauna selvatica è tema caldo a Souris, Isola del Principe Edoardo in Canada, dove The Prince Edward Island (PEI), Energy Corporation, vuole aggiungere sette nuove turbine alle 10 attualmente in vigore.

Ciò includerebbe l’uso di turbine più grandi, sia in altezza che nell’area spazzata dalle loro pale. La provincia afferma che l’altezza maggiore di 175 metri, rispetto alle turbine esistenti da 125-150 metri nella regione, e le pale più grandi, consentono una maggiore produzione di energia.  Ma sia le dimensioni che l’ubicazione delle turbine eoliche sono motivo di preoccupazione per il PEI locale Federazione della fauna selvatica.



52 specie di uccelli a rischio

Questi mulini a vento saranno tra i più alti del mondo e avranno effetti negativi su uccelli e pipistrelli. Sarà situato in un’area che comprende una serie di zone umide che ospitano siti di nidificazione per molte specie di uccelli e altri animali selvatici“, ha affermato Fred Cheverie, coordinatore dei bacini idrografici della Souris and Area Branch della PEI Wildlife Federation.

Secondo Cheverie ci sono 52 specie vulnerabili di uccelli che passano attraverso l’area, così come quattro specie in via di estinzione. Anche le popolazioni di pipistrelli dell’isola sono vulnerabili essendo state decimate dalla sindrome del naso bianco (la sindrome del naso bianco viene così chiamata per la crescita massiva di micelio bianco sul naso, il muso, le orecchie e/o la membrana alare dei pipistrelli colpiti. Il fungo, non patogeno per l’uomo, colpisce gli esemplari durante il periodo di ibernazione). Ma ora c’è una certa ripresa in quest’area, il che aumenterebbe la probabilità di collisioni con turbine.

Cheverie teme che le zone umide, che sono anche un’area importante per il sequestro del carbonio, vengano frammentate dalle strade che portano alle turbine. Dice che il sito scelto per il parco eolico di Souris si trova nel mezzo di una delle zone naturali più incontaminate rimaste sull’Isola del Principe Edoardo.

Il triangolo rosso

Il sito si trova vicino a una sezione di terra chiamata Triangolo Rosso, designata dal Canadian Wildlife Service come area di rifugio e protezione per gli uccelli migratori. PEI Energy Corporation ha cambiato il layout del suo parco eolico per evitare questo triangolo e insiste sul fatto che sta adottando misure per ridurre il suo impatto ambientale, ma Cheverie rimane preoccupato per le turbine aggiuntive.

Potrebbero morire 233 mila uccelli in Canada

Più ampiamente, uno studio del 2013 ha previsto che l’espansione delle turbine eoliche in Canada nei prossimi 10-15 anni potrebbe portare all’uccisione di circa 233.000 uccelli e allo spostamento di 57.000 coppie all’anno. Un altro studio ha rilevato che le turbine eoliche uccidono da 140.000 a 328.000 uccelli ogni anno negli Stati Uniti . Vale la pena notare che i dati del 2014 hanno rivelato che le morti di uccelli per collisioni con linee elettriche negli Stati Uniti sono state da 12 a 64 milioni, ma queste ultime sono più diffuse delle turbine eoliche, quindi è un confronto complicato.

Non riuscire ad affrontare il danno causato alla fauna selvatica potrebbe portare a un rallentamento normativo o economico nella produzione di energia eolica necessaria per affrontare il cambiamento climatico, secondo Jim Murphy, direttore legale della National Wildlife Federation degli Stati Uniti, e secondo la ricercatrice Lauren Anderson.

Bisogna evitare impatti sugli habitat

Murphy afferma che, sebbene i rischi di collisione siano ovvi, è essenziale che le società di turbine eoliche siano anche consapevoli degli impatti sugli habitat. “I rischi dell’habitat riguardano il modo in cui l’ubicazione dei parchi eolici influisce sul comportamento e sulle attività della fauna selvatica, come l’evitamento, la riproduzione e l’allevamento dei giovani“, ha spiegato.

In effetti, uno studio condotto da Maria Thaker, professore di ecologia presso il Center for Ecological Sciences dell’Indian Institute of Science, ha scoperto che l’impatto ecologico dei parchi eolici si riflette nell’ecosistema circostante. Negli altopiani dei Ghati occidentali dell’India, Thaker ei suoi colleghi hanno scoperto quasi quattro volte più uccelli predatori in aree senza turbine eoliche, osservando più lucertole intorno ai parchi eolici.

Le turbine eoliche stanno cambiando la catena alimentare

Abbiamo scoperto che la densità e l’attività degli uccelli erano molto più basse nelle aree con turbine eoliche e questo significava che le lucertole avevano meno rischi di predazione“, ha detto Thaker. Infatti le lucertole stavano aumentando di numero senza il tipico controllo della crescita della popolazione per predazione.

Con sua sorpresa, i risultati hanno rivelato che la catena alimentare circostante era stata alterata a causa delle turbine eoliche. Questo può avere conseguenze per altri aspetti della catena alimentare, come altre specie che mangiano gli uccelli o specie che mangiano le lucertole.

Anche i mammiferi sono disturbati dalle pale

Thaker afferma di non credere che gli ecosistemi saranno distrutti e danneggiati irreparabilmente dai parchi eolici, ma pensa che abbiano cambiato la composizione delle specie e il modo in cui queste specie rispondono. Aggiunge che la morte di uccelli e pipistrelli non è l’unica ragione della preoccupazione ambientale. La creazione di strade e l’attività umana sotto le centrali eoliche disturba i grandi mammiferi e quindi anche loro evitano la zona.

È per questo che Murphy afferma che trovare il posto giusto per le turbine è fondamentale.Una buona ubicazione è d’obbligo, così come seguire le linee guida sull’energia eolica sviluppate dall’US Fish and Wildlife Service. Queste linee guida forniscono una serie di migliori pratiche di gestione per aiutare a evitare, ridurre al minimo e compensare gli impatti sulla fauna selvatica“, ha dichiarato.

È anche fondamentale che le società di energia eolica rispettino le leggi sulla fauna selvatica come l’Endangered Species Act e il Migratory Bird Treaty Act. In pratica, questo significa lavorare con le agenzie per la fauna selvatica e le parti interessate per identificare i siti adatti e utilizzare la tecnologia e le pratiche operative che riducono gli impatti sulla fauna selvatica.

Bisogna trovare il giusto luogo per le pale eoliche

Una volta individuato il sito giusto, gli interventi per salvare la fauna selvatica dalle turbine eoliche possono andare oltre. Un’opzione è spegnere le turbine nei momenti chiave. “La tecnologia ora consente di identificare uccelli a rischio come aquile e condor molto prima che entrino in pericolo e dare agli operatori il tempo di spegnere le turbine che potrebbero rappresentare un rischio“,ha spiegato Murphy.

IdentiFlight per riconoscere uccelli

Una delle tecnologie più promettenti utilizzate sulle aquile è uno strumento chiamato IdentiFlight, che è essenzialmente un robot in grado di individuare e riconoscere gli uccelli con elevata precisione. Da uno studio è emerso che IdentiFlight ha rilevato il 96% dei voli di uccelli che gli osservatori umani hanno visto e ne ha individuati 5,62 volte in più oltre a quelli che gli uccelli non hanno visto.

Ha classificato erroneamente nove aquile su un totale di 149 come non aquile, con un tasso di falsi negativi del 6%. IdentiFlight è attualmente impiegato presso Top of the World Windpower Project nel Wyoming, dove Murphy afferma che la tecnologia è accoppiata alla sorveglianza umana per ridurre le collisioni di uccelli: “Se la minaccia di collisione può essere determinata con maggiore precisione, la riduzione può essere più mirata“.

Montaggio di deterrenti acustici a ultrasuoni

In termini di deterrenza della fauna selvatica dalle turbine, Murphy afferma che i metodi che coinvolgono l’acustica si stanno dimostrando promettenti nel tenere i pipistrelli lontani da siti dove potrebbero entrare in collisione con le turbine. Una soluzione include il montaggio di deterrenti acustici a ultrasuoni, o dispositivi UAD, sulle stesse turbine eoliche.

Illuminazione di turbine con luce ultravioletta

L’idea è che questi dispositivi rendano lo spazio aereo intorno alla turbina a disagio uditivo per i pipistrelli, quindi si tengono lontani dalle pale della turbina. Altri deterrenti includono l’illuminazione di turbine con luce ultravioletta o la verniciatura di turbine eoliche viola. Sebbene questi metodi siano promettenti, richiedono anche ulteriori test per dimostrare la loro efficacia. Come afferma Murphy, “il problema è lungi dall’essere risolto“.

Tuttavia, Thaker concorda con Murphy sul fatto che il pezzo più importante del puzzle è la posizione: La coesistenza è sicuramente possibile, fintanto che le società di energia eolica sono desiderose di ridurre al minimo l’impatto ambientale“.

Turbine eoliche sulle case

Posizionare le turbine eoliche su case ed edifici, così come su terreni che non sono un importante habitat per la fauna selvatica, non avrebbe un impatto così tanto sugli uccelli e sui pipistrelli. Quello che non dobbiamo fare è convertire vaste aree di terra naturale in parchi eolici perché stiamo rapidamente esaurendo le aree in cui la fauna selvatica può esistere senza ostacoli“, ha spiegato Thaker.

È quella paura di perdere la terra integrale che occupa Cheverie nella sua resistenza alle nuove turbine eoliche a Souris. “Queste zone umide sono composte da paludi di abete rosso nero, che sono ben note come siti di nidificazione di molti uccelli“, ha affermato Cheverie.

Infatti l’ecosistema di acqua dolce dell’East Lake ospita molti uccelli acquatici che vi nidificano, tra cui l’alzavola blu alata, l’anatra dal collo ad anello, l’anatra nera americana e l’anatra germano reale, tutte elencate come specie di importanza dal piano di implementazione delle joint venture dell’Habitat orientale .

Un’attenta pianificazione del paesaggio

Si potrebbe cercare un’alternativa nei parchi eolici offshore, ovvero a distanza dalla costa, in alto mare, che sono diventati sempre più popolari, in particolare nel Regno Unito e in Germania. Tuttavia, Lena Bergstrom, autrice di uno studio del 2014 sugli effetti dei parchi eolici offshore sulla fauna marina, afferma che gli sforzi per non disturbare l’habitat naturale sono anche un aspetto chiave per i parchi eolici offshore. Ciò significa che il pianificatore dovrebbe fare attenzione a non interrompere la composizione naturale delle specie nell’area e ridurre al minimo il rischio di nuove specie invasive e che le specie prevalenti vengano spostate.

Le aree che sono essenziali per il reclutamento o l’alimentazione di pesci, uccelli e mammiferi dovrebbero essere evitate. E mentre spesso i parchi eolici offshore creano zone di esclusione permanente per la pesca, che potrebbero proteggere la vita marina, Bergstrom afferma che un’attenta pianificazione del paesaggio è essenziale per trovare il miglior posto possibile. Il monitoraggio dell’habitat locale prima della costruzione del parco eolico può anche fornire dati utili per valutare gli effetti cumulativi e pianificare la mitigazione di eventuali effetti negativi sulla fauna selvatica.

Protezione della fauna selvatica

Un portavoce della Canadian Wind Energy Association afferma che gli sviluppatori di progetti di energia eolica assicurano che siano in atto meccanismi per ridurre i potenziali rischi per uccelli e pipistrelli e per comprendere meglio gli impatti su questi animali, utilizzando strumenti come la sua Wind Energy and Bat Conservation Review.

Tornando a Souris, la PEI Energy Corporation afferma che la protezione della fauna selvatica sarà una parte fondamentale del suo piano di gestione ambientale. “Facciamo del nostro meglio per evitare di costruire su aree sensibili e ci impegniamo a non perdere completamente la funzionalità delle zone umide“, ha affermato un portavoce della società. Sulla base dei risultati delle indagini post-costruzione completate nei siti esistenti, ha aggiunto il portavoce, “la mortalità minima stimata proposta per il sito è piuttosto bassa se confrontata con i tassi medi di mortalità aviari e pipistrelli. Nonostante questi numeri bassi, ci impegniamo a esaminare attentamente il sito“.

Radar e GPS per rilevare stormi in arrivo

PEI Energy Corporation non stava considerando l’aggiunta di retrofit, come radar e GPS per rilevare stormi in arrivo, ma ha affermato che le nuove turbine includeranno “più funzionalità che riducono l’impatto ambientale e riducono i livelli di rumore“. Al momento, il parco eolico sta compilando i risultati della sua analisi di impatto ambientale e attende i permessi prima di poter iniziare qualsiasi lavoro di ampliamento.

Sebbene sia evidente che le turbine hanno un impatto sulla fauna selvatica, “l’energia eolica è una parte fondamentale della soluzione al cambiamento climatico, che è la più grande minaccia attuale per la fauna selvatica“, ha detto Murphy. E mentre gli studi hanno dimostrato che l’energia eolica ha un impatto sugli ecosistemi, Murphy afferma di credere che questi impatti possano essere ridotti a livelli accettabili.

Crisi climatica ed estinzione di molteplici specie

Quasi ogni giorno siamo esposti a fatti, cifre e immagini vertiginose sulla crisi climatica e sull’estinzione di molteplici specie di fauna selvatica. Indubbiamente il cambiamento climatico è la minaccia più imminente della nostra terra, e con l’energia eolica che contribuisce a ridurre le emissioni di gas serra, non sorprende che continui ad aumentare a livello globale dall’Africa, all’America, all’Australia.

Forse il dibattito sull’espansione del parco eolico a Souris può essere visto al meglio come un promemoria che non esiste una soluzione semplice e rapida per salvare il pianeta. Ma con un’attenta pianificazione dei siti, lo sviluppo di parchi eolici urbani e nuovi deterrenti per prevenire le collisioni, la riduzione delle emissioni di carbonio con l’aiuto del vento potrebbe costare meno vite degli animali.

Fonte: https://www.bbc.com/future/article/20200302-how-do-wind-farms-affect-bats-birds-and-other-wildlife

2