Le auto a guida autonoma potrebbero essere hackerate e scatenare il caos

L'arresto casuale del 20 percento delle auto nelle ore di punta potrebbe paralizzare le arterie viarie principali delle città provocando il blocco totale del traffico

1009

Nell’anno 2026, nelle ore di punta, la tua auto a guida autonoma si spegne improvvisamente proprio dove blocca il traffico. Proprio in quel momento una notifica push sul tuo smartwatch ti avvisa che un attacco ha paralizzato tutto il traffico di Manhattan con auto a guida autonoma connesse a Internet che si muovono in modo casuale.
Flashback a luglio 2019, l’alba dei veicoli a guida autonoma e dei veicoli connessi ad internet: i fisici del Georgia Institute of Technology e Multiscale Systems, Inc. hanno effettuato uno studio per simulare di cosa avrebbero bisogno i futuri hacker per scatenare il caos prendendo il controllo delle auto a guida autonoma.  I ricercatori vogliono ampliare l’attuale discussione sulla sicurezza informatica automobilistica, che si concentra principalmente sugli hack che potrebbero far schiantare un’auto o investire un pedone, per creare caos di massa.
Secondo gli studiosi, anche con difese informatiche più sicure, la quantità di dati violati è aumentata vertiginosamente negli ultimi quattro anni, ma il sempre maggior numero e varietà di oggetti connessi ad internet, e quindi hackerabili, possono diventare uno strumento per convertire la crescente minaccia informatica in una potenziale minaccia fisica.
A differenza della maggior parte delle violazioni dei dati di cui sentiamo parlare, le auto hackerate possono provocare serie conseguenze fisiche“, ha affermato Peter Yunker, che ha co-condotto lo studio ed è  professore associato presso la School of Physics della Georgia Tech .
Potrebbe non essere così difficile per gli spie, terroristi o semplici spiritosi impadronirsi di parti di Internet delle cose, comprese le automobili.
Con le automobili, una delle cose preoccupanti è che attualmente sono gestite da un sistema informatico centrale, attraverso cui passano quasi tutte le informazioni. Non hai necessariamente sistemi separati per far funzionare la tua auto e far funzionare il GPS. Se riesci a entrare in uno, potresti essere in grado di entrare nell’altro “, ha spiegato Jesse Silverberg di Multiscale Systems, Inc., che ha co-condotto lo studio con Yunker

Congelamento del traffico solido

Nelle simulazioni in cui un massiccio intervento di hackeraggio su automobili connesse a Internet, i ricercatori sono riusciti a bloccare completamente il traffico di Manhattan, ma, hanno calcolato, non sarebbe neanche necessario bloccare tutto il traffico per provocare il caos. Ecco i loro risultati e i numeri sono prudenziali per i motivi indicati di seguito.
Il blocco casuale del 20 percento delle auto nelle ore di punta permetterebbe il blocco totale del traffico. Al 20 percento, la città è stata frantumata in piccole isole, dove potresti riuscire a spostarti di qualche centimetro, ma nessuno sarebbe in grado di spostarsi attraverso la città“, ha affermato David Yanni, assistente nel laboratorio di Yunker.
Non tutte le auto sulla strada dovrebbero essere collegate, come scritto sopra, agli hacker basterebbe bloccare il 20% delle auto in strada. Ad esempio, se il 40 percento di tutte le auto sulla strada fossero collegate, sarebbe sufficiente hackerarne la metà.
L’hacking del 10 percento di tutte le auto nelle ore di punta congestionerebbe il traffico abbastanza da impedire ai veicoli di emergenza di tagliare opportunamente il traffico che avanza lungo tutta la città. La stessa cosa accadrebbe con un hack del 20 percento durante il traffico diurno intermedio.
I risultati dei ricercatori sono stati pubblicati sulla rivista  Physical Review E  il 20 luglio 2019. Lo studio non è stato sottoposto a peer review.

Potrebbe volerci meno

In altre città, le cose potrebbero andare anche peggio.
Manhattan ha un’ottima viabilità e questo rende il traffico più efficiente. Guardando a città con una viabilità meno efficiente come Atlanta, Boston o Los Angeles, pensiamo che gli hacker possano fare un danno peggiore impossessandosi di ancora meno auto“, ha detto Yunker.
I ricercatori hanno escluso diversi fattori che probabilmente peggiorerebbero i danni causati dall’hacking, quindi un attacco effettuato nel mondo reale potrebbe richiedere il blocco di un numero ancora inferiore di auto per bloccare Manhattan.
Voglio sottolineare che abbiamo preso in considerazione solo situazioni statiche, se le strade sono bloccate o non bloccate. In molti casi, le strade bloccate riversano il traffico verso altre strade, che non sono state incluse. Se dovessimo tener conto di queste altre cose, il numero di auto da bloccare probabilmente diminuirebbe in modo significativo“, ha detto Yunker.
Inoltre, i ricercatori non hanno tenuto conto del panico pubblico e degli occupanti di auto che scenderebbe dall’auto e si riverserebbero in strada che potrebbero ulteriormente bloccare le strade o causare incidenti. Né hanno preso in considerazione hack mirati ad inviare le auto sotto controllo verso punti nevralgici che permetterebbero di massimizzare il caos.
Il team di studiosi ha inoltre sottolineato che non essendo loro esperti di sicurezza informatica, il loro lavoro non comprende un calcolo delle probabilità che qualcuno esegua un tale hack. Il loro obbiettivo dichiarato è semplicemente dare agli esperti della sicurezza un’idea calcolabile della scala di un hack che bloccherebbe una città.
I ricercatori hanno alcune idee generali su come ridurre il danno potenziale.
Sarebbe necessario suddividere la rete digitale in tante sottoreti che rendano impossibile l’accesso a troppe macchine attraverso la stessa rete“, ha dichiarato l’autore principale Skanka Vivek, ricercatore post-dottorato nel laboratorio di Yunker. “Sarebbe anche opportuno poter fare in modo che auto molto vicine tra loro non possano essere essere hackerate contemporaneamente, ciò ridurrebbe il rischio che possano bloccare il traffico“.
Il team di ricerca ha analizzato i movimenti delle auto su strade con un numero variabile di corsie, incluso il modo in cui aggirano i veicoli in stallo e ha scoperto che è possibile applicare un approccio fisico a ciò che hanno osservato.
Se il traffico viene fermato o meno può essere spiegato dalla teoria della percolazione classica utilizzata in molti campi diversi della fisica e della matematica“, ha detto Yunker.
La teoria della percolazione  viene spesso utilizzata nella scienza dei materiali per determinare se una qualità desiderabile come una rigidità specifica si diffonderà attraverso un materiale per rendere uniformemente stabile il prodotto finale. In questo caso, le auto bloccate vengono utilizzate per congestionare e bloccare la circolazione su strade normalmente scorrevoli.
Nello studio, sono state considerate bloccate solo quelle strade in cui le auto hackerate hanno interrotto tutte le corsie o in cui sono diventate ostacoli che altre auto aggirare e non include strade in cui le auto hackerate consentono ancora il flusso del traffico.
I ricercatori hanno scelto Manhattan per le loro simulazioni perché sono disponibili molti dati sui suoi modelli di traffico.