La stella di Tabby non è più sola

Individuate altre 21 stelle con gli stessi peculiari, e (per ora) inspiegabili, cali di luminosità.

1008

È dal 2015 che gli astronomi lambiccano le proprie menti con il mistero della stella di Tabby.

Stella di Tabby è il soprannome che la stella KIC 8462852 si è vista assegnare per via del nome della sua scopritrice, Tabeetha S. Boyajian. Questa stella è balzata più volte agli onori della cronaca per via di un particolare comportamento: l’estrema variabilità della sua luminosità, al punto da farla diventare nota come “la stella più strana dell’universo”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Si, perché gli improvvisi e irregolari cali di luminosità che la caratterizzano non hanno ancora avuto una spiegazione definitiva, anche se si sono succedute parecchie ipotesi, alcune attendibili, altre fantasiose. Per spiegare il peculiare comportamento di KIC 8462852 si è pensato di tutto, dagli sciami di comete alle nuvole di polvere, passando per pianeti con anelli; qualcuno è arrivato anche ad ipotizzare la possibilità che i cali di luminosità dipendessero da megastrutture aliene, qualcosa di simile ad una sfera di Dyson.

Questo perché, nell’esperienza degli astronomi, fino a quel momento, la stella di Tabby rappresentava qualcosa di unico.

Ma ora pare che non sia più così e che KIC 8462852 non sia poi così unica.

Nuovi studi hanno evidenziato un gruppo di stelle che mostrano un comportamento non dissimile da quello di KIC 8462852: 15 stelle che sembrano abbastanza simili a KIC 8462852 e altre sei che sembrano ancora più estreme.

I cali di luminosità delle stelle oscuranti non sono una novità per l’astronomia, in effetti, è uno dei sistemi che utilizziamo per rilevare gli esopianeti che, quando passano tra noi e la loro stella, attenuano la luce della stella in modo frazionario, di solito meno dell’1%.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma, sebbene KIC 8462852 sembri essere una nana giallo-bianca abbastanza normale, il suo comportamento è strano. Davvero strano.

I passaggi di pianeti che si interpongono tra una stella e noi avvengono, di solito, ad intervalli temporali regolari e ogni volta provocano lo stesso calo di luminosità della stella. L’oscuramento di KIC 8462852 è, invece, completamente casuale e imprevedibile – e la quantità della luce oscurata varia. Questi cali di luminosità vanno, per KIC 8462852, dall’1 percento, al 22 percento, inoltri questi cali di luminosità si verificano ad intervalli e durate variabili. Qualunque cosa provochi questo fenomeno, sicuramente non è un pianeta.

Inoltre, alcune lunghezze d’onda della luce sono bloccate più di altre, il che, dicono gli astronomi, esclude un oggetto opaco grande e solido (come una megastruttura aliena).

Ma trovare più stelle che si comportano allo stesso modo potrebbe fornire ulteriori indizi.

Così l’astronomo e fisico Edward Schmidt, dell’Università del Nebraska, le ha cercate.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ha combinato i dati raccolti tra l’aprile 1999 e il marzo 2000 dal Northern Sky Variable Survey per trovare stelle candidate con variabilità irregolare, escludendo tutte le stelle con oscuramento spiegabile, ad esempio quelle binarie. Alla fine, ha selezionato 21 stelle.

Per queste 21 stelle, ha scaricato i dati sulla curva della luce dall’AllSky Automated Survey for Supernovae (ASAS-SN ). Questi sono stati confrontati con la curva di luminosità di KIC 8462852. Ed è stato possibile individuare alcune somiglianze interessanti. Nei miei candidati non vedo periodicità e le profondità delle immersioni variano considerevolmente. Quindi i [comportamenti] sono simili a KIC 8462852“, ha spiegato Schmidt.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Schmidt ha diviso le stelle che ha individuato in due categorie: islow dippers“, di cui 15 identificati, che risultano i più simili a KIC 8462852 in termini di tempistica, e 6 “rapid dippers“, caratterizzati da cali di luminosità simili ma molto più frequenti.

Che cosa significhi questa differenza non è ancora chiaro, ma indica che il comportamento di oscuramento presenta una gamma di caratteristiche in cui potrebbe ricadere anche KIC 8462852.

E non è solo il comportamento che è simile.

Queste stelle che mostrano lo stesso fenomeno di KIC 8462852 sono tutte posizionate nella stessa area del diagramma temperatura-luminosità “, ha detto Schmidt, cioè sono lo stesso tipo di stella. “Questo fa sembrare probabile che questo sia il comune denominatore tra tutte queste stelle“.

Ma c’è ancora del lavoro da fare. Ad esempio, Schmidt non ha ancora esaminato se i cali di luminosità delle 21 nuove stelle bloccano specifiche lunghezze d’onda. Un altro è che, sulla base dei dati di archivio, KIC 8462852 sembra svanire lentamente – tra il 1890 e il 1989, infatti, è sbiadita di magnitudo 0,193.

Entrambe queste cose dovranno essere investigate ulteriormente al fine di determinare se queste 21 stelle recentemente identificate sono simili alla stella di Tabby.

In ogni caso, anche se lo fossero, dobbiamo ancora capire cosa causa l’oscuramento.

Penso che sia molto probabile che i cali siano causati da oggetti in transito, ma ciò non spiega necessariamente il dimmer a lungo termine. Gli oggetti in transito sono probabilmente polvere, ma non possiamo ancora esserne certi“penso che siamo ancora lontani dalla spiegazione di tutto“, ha concluso Schmidt.

La ricerca è stata pubblicata su The Astrophysical Journal Letters .