La particella d-star hexaquark è il nuovo candidato per la materia oscura

Nelle condizioni presenti poco dopo il Big Bang, molti d-star hexaquark. avrebbero potuto raggrupparsi mentre l'universo si raffreddava e si espandeva per formare il quinto stato della materia: il condensato di Bose-Einstein.

1393

Un team di ricercatori ha identificato una particella subatomica che avrebbe potuto formare la “materia oscura” nell’Universo durante il Big Bang.
Sembra che fino all’80% della materia presente nell’universo sia materia oscura, ma nonostante molti decenni di studio, la sua origine fisica è rimasta un enigma. Sebbene non possa essere vista direttamente, gli scienziati sanno che esiste perché interagisce attraverso la gravità con la materia barionica che forma stelle, pianeti e galassie, influenzandola. La materia oscura è composta da particelle che non assorbono, riflettono o emettono luce.
Ora, i fisici nucleari dell’Università di York stanno proponendo un nuovo candidato per la materia oscura, una particella scoperta di recente chiamata d-star hexaquark.
Quersta particella è composta da sei quark: quelle particelle fondamentali che di solito si combinano in gruppi di tre per formare protoni e neutroni. È importante sottolineare che i sei quark in una d-star producono un bosone, il che significa che quando sono presenti molte d-star, queste possono combinarsi insieme in modi molto diversi rispetto ai protoni e ai neutroni.
Il gruppo di ricerca di York suggerisce che nelle condizioni presenti poco dopo il Big Bang, molti d-star hexaquark. avrebbero potuto raggrupparsi mentre l’universo si raffreddava e si espandeva per formare il quinto stato della materia: il condensato di Bose-Einstein.
Il dott. MIkhail Bashkanov e il professor Daniel Watts del dipartimento di fisica dell’Università di York hanno recentemente pubblicato la prima valutazione della fattibilità di questo nuovo candidato alla materia oscura.
L’origine della materia oscura nell’universo è una delle maggiori domande della scienza che fino ad ora è rimasta senza risposta. I nostri primi calcoli indicano che i condensati delle d-star sono un nuovo candidato possibile per la materia oscura. Questo nuovo risultato è particolarmente eccitante poiché non richiede concetti nuovi per la fisica“, ha spiegato Watts.
Il co-autore dell’articolo, Mikhail Bashkanov ha dichiarato che “Il prossimo passo per stabilire se questo nuovo candidato per la materia oscura è attendibile sarà quello di ottenere una migliore comprensione di come interagiscono le stelle D, quando si attraggono e quando si respingono.
Stiamo conducendo nuove misurazioni per creare stelle a D all’interno di un nucleo atomico e vedere se le loro proprietà sono diverse rispetto a quando sono nello spazio libero“.
L’articolo “A new possibility for light-quark dark matter” è stato pubblicato su the Journal of Physics G Letters.
 

Ulteriori informazioni: M Bashkanov et al, A new possibility for light-quark dark matter, Journal of Physics G: Nuclear and Particle Physics (2020). DOI: 10.1088 / 1361-6471 / ab67e8