La “danza dell’elusione” di due delle lune di Nettuno – animazione

La strana, e mai vista prima, danza delle lune di ghiaccio di Nettuno.

0
806
Indice

La vita non è sempre facile per gli astrofisici: proprio quando hanno capito un altro aspetto degli schemi di movimento nel nostro Sistema Solare, arrivano due delle lune di Nettuno a rovinare tutto.

Le due lune in questione sono Naiad e Thalassa, entrambe larghe circa 100 chilometri, che orbitano intorno al loro pianeta in quella che i ricercatori della NASA chiamano “danza dell’elusione“.

Rispetto a Thalassa, l’orbita di Naiad è inclinata di circa cinque gradi: trascorre metà del suo tempo sopra Thalassa e metà sotto, in un’orbita collegata che è diversa da qualsiasi altra cosa registrata.

Ci riferiamo a questo schema ripetuto come a una risonanza“, afferma il fisico Marina Brozovic, del Jet Propulsion Laboratory della NASA. “Ci sono molti diversi tipi di danze che possono seguire pianeti, lune e asteroidi, ma questo non era mai stato visto prima“.

Le orbite delle due piccole lune sono distanti circa 1.850 chilometri, ma sono perfettamente sincronizzate e coreografate per evitarsi a vicenda. Naiad impiega sette ore per un’orbita intorno a Nettuno, mentre Thalassa impiega sette e mezzo su un percorso più esterno.



Un ipotetico alieno residente su Thalassa, vedrebbe Naiad passare sopra e sotto in uno schema che si ripeterebbe ogni quattro anelli. I ricercatori affermano che queste manovre mantengono stabili le orbite.

la danza dell'elusione delle lune di Nettuno

Il team ha utilizzato i dati raccolti tra il 1981 e il 2016 da telescopi sulla Terra, da Voyager 2 e dal telescopio spaziale Hubble per determinare come Naiad e Thalassa si stanno muovendo intorno al gigante di ghiaccio che chiamano casa.

Queste lune sono due dei 14 satelliti confermati per Nettuno e due delle sette cosiddette lune interne, un sistema molto stretto intrecciato con i deboli anelli del pianeta.

Secondo i ricercatori, la cattura della grande luna di Nettuno Tritone potrebbe spiegare da dove provengono Naiad e Thalassa e come sono arrivati ​​a girare attorno al loro pianeta in un modo così insolito.

Le lune interne potrebbero essere frammenti di Tritone, con Naiad alla fine calciato nella sua orbita inclinata attraverso un’interazione con un altro dei suoi vicini.

Oltre a tracciare le orbite di Naiad e Thalassa, il nuovo studio è stato anche in grado di compiere i primi passi per determinare la composizione delle lune interne di Nettuno, che sembrano essere costituite da qualcosa di simile al ghiaccio d’acqua.

Siamo sempre entusiasti di trovare queste dipendenze tra le lune“, afferma l’astronomo planetario Mark Showalter, dell’Istituto SETI.

“Naiad e Thalassa sono state probabilmente bloccate insieme in questa configurazione per molto tempo, perché così le loro orbite sono stabili. Mantengono l’equilibrio senza mai avvicinarsi troppo tra loro”.

La ricerca è stata pubblicata in Icaro .

2