“In ognuno di noi giace un messaggio, il cui inizio si perde nella notte dei tempi”

E se il nostro codice genetico contenesse informazioni capaci di farci capire le relazioni tra fisica e biologia? E se l'universo, alla fine, fosse solo informazione?

0
7027
Indice

Un tempo“, scrive l’autore di fantascienza Dennis E. Taylor in We Are Legion (We Are Bob), “pensavamo che il modo in cui la vita va avanti fosse quasi del tutto casuale, e che per farlo avesse solo bisogno di un gradiente energetico. Ma man mano che ci siamo trasferiti nell’era dell’informazione, abbiamo capito che la vita riguarda più l’informazione che l’energia. Il fuoco ha la maggior parte delle caratteristiche della vita. Mangia, cresce, si riproduce. Ma il fuoco non conserva informazioni. Non impara; non si adatta. Il cinque milionesimo incendio iniziato dai fulmini si comporterà proprio come il primo. Ma la cinquecentesima divisione batterica non sarà come la prima, specialmente se c’è pressione ambientale. Questo è il DNA. E RNA. È la vita.”
Paul Davies, astrofisico della Arizona State University e direttore del Beyond Center, autore di The Demon in the Machine – In che modo reti nascoste di informazioni stanno risolvendo il mistero della vita – offre un messaggio simile a Taylor: l’informazione, come l’energia, ha la capacità di animare la materia. “In ognuno di noi c’è un messaggio“, scrive Davies. “È scritto in un codice antico, e il suo inizio è perso nella notte dei tempi. Decifrato, il messaggio contiene istruzioni su come creare un essere umano. Nessuno ha scritto il messaggio; nessuno ha inventato il codice. Sono nati spontaneamente. L’unico designer è la stessa Madre Natura, solo operando nell’ambito delle sue leggi immutabili che capitalizzano il caso. Il messaggio non è scritto con l’inchiostro ma con atomi, uniti in una sequenza elaborata per formare il DNA, abbreviazione di acido desossiribonucleico. È la molecola più straordinaria sulla Terra”.
Ciò che oggi è notevole è il fatto che gli esseri umani sono ora effettivamente in grado di tradurre questo codice, che la mente umana ha le attrezzature intellettuali necessarie per svelare i segreti della natura. È difficile credere che la nostra esistenza in questo universo sia una semplice stranezza del destino, un incidente della storia, un capovolgimento accidentale nel grande dramma cosmico. Il nostro coinvolgimento è troppo intimo.
Davies è stato profondamente influenzato dall’astrobiologo e fisico teorico, Sara Walker, vicedirettore del Beyond Center for Fundamental Concepts in Science, nella sua ricerca di una grande teoria unificata della fisica e della biologia organizzata attorno al concetto di informazione. “La vita è la prossima grande frontiera della fisica!” ha dichiarato la Walker. Il suo lavoro si concentra sull’esistenza o meno di “leggi della vita“: come l’informazione struttura il mondo fisico che potrebbe descrivere universalmente la vita qui sulla Terra e su altri mondi.
Nota del redattore: “La fantascienza non è morta ma non è più solo finzione“.
Fonti: Dennis Taylor, We Are Legion (We Are Bob); Paul Davies, The Demon in the Machine

2