I mammiferi potrebbero non essere in grado di rispondere efficacemente all’attacco di microbi alieni

Una nuova ricerca suggerisce che i sistemi immunitari dei mammiferi - compresi gli umani - potrebbero avere difficoltà a rilevare e rispondere all'attacco di germi provenienti da altri pianeti.

0
1109
Indice
I microrganismi (come batteri e virus) potrebbero esistere oltre la Terra e stiamo cercando di capire se ve ne sono su Marte e su alcune delle lune di Saturno e Giove. Tali organismi potrebbero essere basati su aminoacidi e proteine diversi rispetto a quelli che utilizzano le forme di vita sulla Terra.
Ricercatori delle università di Aberdeen ed Exeter hanno testato il modo in cui le cellule immunitarie dei mammiferi rispondono a peptidi (combinazioni di aminoacidi) contenenti due aminoacidi rari sulla Terra ma piuttosto comuni sui meteoriti. La risposta immunitaria a questi peptidi “alieni” è stata “meno efficiente” rispetto alla reazione a quelli comuni sulla Terra.
Lo studio, condotto su topi, le cui cellule immunitarie funzionano in modo simile a quelle umane, suggerisce che eventuali microrganismi extraterrestri potrebbero costituire una minaccia per le missioni spaziali e per la vita sulla Terra, se vi arrivassero.
Il mondo ora è fin troppo consapevole della sfida immunitaria rappresentata dall’emergere di nuovi agenti patogeni“, ha spiegato il professor Neil Gow, vicecancelliere aggiunto (ricerca e impatto) dell’Università di Exeter.
Come esperimento mentale, ci siamo chiesti cosa succederebbe se fossimo esposti a un microrganismo proveniente da un altro pianeta o luna dove la vita si è evoluta. “Esistono alcuni blocchi organici molto insoliti al di fuori del pianeta Terra, e questi potrebbero essere parte della costituzione di microorganismi alieni”.
Il nostro sistema immunitario sarebbe in grado di rilevare le proteine ​​prodotte da peptidi non terrestri se scoprissimo organismi altrove e li riportassimo sulla Terra e poi sfuggiti accidentalmente al controllo? Il nostro documento affronta questo ipotetico evento“.
Lo studio è stato condotto dai ricercatori del MRC Center for Medical Mycology di Exeter.
I ricercatori hanno esaminato la reazione delle cellule T, che sono fondamentali per le risposte immunitarie, ai peptidi contenenti aminoacidi che si trovano comunemente sui meteoriti: isovalina e acido α-aminoisobutirrico.
La risposta è stata meno efficiente, con livelli di attivazione del 15% e 61% – rispetto all’82% e al 91% quando esposti a peptidi fatti interamente di aminoacidi che sono comuni sulla Terra.
La vita sulla terra si basa su 22 amminoacidi essenziali“, ha detto l’autore principale, la Dr. Katja Schaefer, dell’Università di Exeter. “Abbiamo ipotizzato che forme di vita evolutesi in un ambiente ricco di aminoacidi diversi da quelli comuni sulla Terra potrebbero contenerli nella loro struttura. Abbiamo sintetizzato chimicamente “eso-peptidi” contenenti amminoacidi che sono rari sulla Terra e testato se il sistema immunitario dei mammiferi potesse rilevarli. La nostra indagine ha dimostrato che questi eso-peptidi vengono elaborati e le cellule T vengono attivate, ma la risposta immunitaria è meno efficiente rispetto a quella indotta dai peptidi terrestri ordinari“.
Pertanto ipotizziamo che il contatto con microrganismi extra-terrestri possa rappresentare un rischio immunologico per le missioni spaziali che mirano a recuperare organismi da esopianeti e lune“.
La scoperta di acqua liquida in diversi punti del sistema solare aumenta la possibilità che la vita microbica possa essersi evoluta al di fuori della Terra e potrebbe quindi essere accidentalmente introdotta nell’ecosistema terrestre. Per questa ragione la NASA ha recentemente implementato nuovi protocolli di prevenzione e quarantena per le sonde destinate a riportare sulla Terra campioni di materiale dagli asteroidi e da Marte e per gli astronauti che torneranno sulla Luna nel 2024.
Fonte: “A Weakened Immune Response to Synthetic Exo-Peptides Predicts a Potential Biosecurity Risk in the Retrieval of Exo-Microorganisms” di Katja Schaefer, Ivy M. Dambuza, Sergio Dall’Angelo, Raif Yuecel, Marcel Jaspars, Laurent Trembleau, Matteo Zanda , Gordon D. Brown, Mihai G. Netea e Neil AR Gow, 17 luglio 2020, Microrganisms.
DOI: 10.3390 / microrganisms8071066
2