Gli esseri umani sono più strettamente imparentati di quanto pensiamo comunemente

Il più recente antenato comune dell'umanità e il cosiddetto isopoint genetico illustrano le sorprendenti connessioni tra i nostri alberi genealogici

6523

Lo stimato attore inglese Christopher Lee sostiene che i suoi antenati riportano direttamente a Carlo Magno. Nel 2010, Lee ha pubblicato un album symphonic metal che rende omaggio al primo imperatore del Sacro Romano Impero, ma il suo entusiasmo potrebbe essere un po’ eccessivo. Dopo tutto, come dice il genetista Adam Rutherford, “letteralmente tutti” coloro che hanno origini europee discendono direttamente da Carlo Magno.

L’albero genealogico dell’umanità è molto più interconnesso di quanto tendiamo a pensare. “Siamo culturalmente vincolati e psicologicamente condizionati a non pensare all’ascendenza in termini molto ampi“, dice Rutherford. I genealogisti possono concentrarsi solo su un ramo di un albero genealogico alla volta, rendendo facile dimenticare quanti antenati ha ciascuno di noi.

Immagina di contare tutti i tuoi antenati mentre ripercorri il tuo albero genealogico indietro nel tempo. Nell’ennesima generazione prima del presente, il tuo albero genealogico ha 2 n slot: due per i genitori, quattro per i nonni, otto per i bisnonni e così via. Il numero di slot cresce in modo esponenziale. Entro la 33a generazione, circa 800-1000 anni fa, ne hai più di otto miliardi. Questo è più del numero di persone vive oggi, ed è certamente una cifra molto più grande della popolazione mondiale di un millennio fa.
Questo apparente paradosso ha una soluzione semplice: “I rami del tuo albero genealogico non divergono in modo coerente“, dice Rutherford. Invece “iniziano a ricollegarsi l’un l’altro“. Di conseguenza, molti dei tuoi antenati occupano più slot nel tuo albero genealogico. Ad esempio, “la tua bis-bis-bis-bis-bis-bisnonna potrebbe essere stata anche la tua pro-pro-pro-pro-zia“, ​​spiega.
La conseguenza del fatto che l’umanità è “incredibilmente innata” è che siamo tutti molto più legati di quanto la nostra intuizione suggerisca, dice Rutherford. Prendiamo, ad esempio, l’ultima persona da cui discendono tutti oggi sul pianeta. Nel 2004, la modellazione matematica e le simulazioni al computer da parte di un gruppo di statistici guidati da Douglas Rohde, allora al Massachusetts Institute of Technology, hanno indicato che il nostro antenato comune più recente probabilmente visse non prima del 1400 aC e forse non prima del 55 d.C. In quel periodo era regina d’Egitto Nefertiti, da qualche parte del mondo, in quel momento, esisteva qualcuno da cui discendiamo tutti.
Torna un po’ più indietro e raggiungi una data in cui i nostri alberi genealogici condividono non solo un antenato in comune, ma ogni antenato in comune. A questa data, chiamata l’isopoint genetico, gli alberi genealogici di due persone qualsiasi che vivono oggi sulla terra, non importa quanto lontanamente imparentate, risalgono allo stesso insieme di individui. “Se eri vivo all’isopoint genetico, allora sei l’antenato di tutti i vivi oggi o di nessuno“, dice Rutherford. Gli esseri umani hanno lasciato l’Africa e hanno iniziato a disperdersi in tutto il mondo almeno 120.000 anni fa, ma l’isopoint genetico è avvenuto molto più recentemente, da qualche parte tra il 5300 e il 2200 aC, secondo i calcoli di Rohde.
A prima vista, queste date possono sembrare troppo recenti per tenere conto delle comunità indigene a lungo isolate in Sud America e altrove. Ma “l’informazione genetica si diffonde rapidamente nel tempo generazionale“, spiega Rutherford. A partire dal 1492, “inizi a vedere i geni europei che fluiscono in ogni direzione fino a quando le nostre stime ci dicono che non ci sono persone in Sud America oggi che non abbiano origini europee“.
In effetti, anche più recente dell’isopunto genetico globale è quello per le persone con ascendenza europea recente. I ricercatori che utilizzano dati genomici collocano quest’ultima data intorno al 1000 d.C. Quindi il lignaggio reale di Christopher Lee non è eccezionale: poiché Carlo Magno visse prima dell’isopunto e ha discendenti tutt’ora viventi, tutti gli europei hanno antenati che discendono direttamente da lui. Allo stesso modo, quasi tutte le persone con origini ebraiche, ashkenazite o sefardite, hanno antenati che furono espulsi dalla Spagna a partire dal 1492. “È un bell’esempio di un mondo piccolo ma che guarda al passato“, dice Susanna Manrubia, una biologa evoluzionista del Centro nazionale spagnolo di biotecnologia.
Tuttavia, non tutti i nostri antenati europei portano geni tramandati da Carlo Magno. Né ogni ebreo porta i geni dei propri antenati sefarditi espulsi dalla Spagna. Le persone sono più strettamente correlate genealogicamente che geneticamente per un semplice motivo matematico: un dato gene viene trasmesso a un bambino da un solo genitore, non da entrambi. In un semplice modello statistico, Manrubia e i suoi colleghi hanno dimostrato che il numero medio di generazioni che separano due individui attuali presi a caso da un antenato genealogico comune dipende dal logaritmo della dimensione della popolazione rilevante. Per grandi popolazioni, questo numero è molto più piccolo della dimensione della popolazione stessa perché il numero di possibili connessioni genealogiche tra individui raddoppia con ogni generazione precedente. Al contrario, il numero medio di generazioni che separano due individui attuali casuali da un antenato genetico comune è linearmente proporzionale alla dimensione della popolazione perché ogni gene può essere rintracciato attraverso una sola linea dell’albero genealogico di una persona. Sebbene il modello di Manrubia presumesse in modo irrealistico che la dimensione della popolazione non fosse cambiata nel tempo, i risultati si applicano ancora nel mondo reale, dice.
A causa del rimescolamento casuale dei geni in ogni generazione successiva, alcuni dei tuoi antenati contribuiscono in modo sproporzionato al tuo genoma, mentre altri non contribuiscono affatto. Secondo i calcoli del genetista Graham Coop dell’Università della California, tu porti i geni di meno della metà dei tuoi antenati di 11 generazioni indietro. Tuttavia, tutti i geni presenti nella popolazione umana odierna possono essere ricondotti alle persone vive nell’isopoint genetico. “Se sei interessato a ciò che i tuoi antenati hanno contribuito nel tempo presente, devi guardare alla popolazione di tutte le persone che coesistono con te“, dice Manrubia. “Tutti loro portano i geni dei tuoi antenati perché condividiamo gli [stessi] antenati“.
E poiché l’isopoint genetico è situato così di recente, dice Rutherford, “in relazione alla razza, demolisce assolutamente e categoricamente l’idea di purezza di lignaggio“. Nessuna persona ha antenati di una sola origine etnica o regione del mondo. E le tue connessioni genealogiche con l’intero globo significano che non molto tempo fa i tuoi antenati erano coinvolti in ogni evento della storia del mondo.
Quindi la prossima volta che senti qualcuno affermare di discendere da una famiglia reale, fatti coraggio: lo sei anche tu. “Sei molto speciale e, in un certo senso, sei molto generico“, conclude Manrubia.
Fonte: Scientific American

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Traduzione ed adattamento di Massimo Zito