Forse individuato un pianeta simile alla Terra in orbita intorno ad una stella simile al Sole

L'unica grande differenza tra KOI-456.04 e la Terra è che l'esopianeta è grande quasi il doppio della Terra.

27880

La nostra regione della Via Lattea è dominata da stelle nane rosse, ma guardando ad occhio nudo il cielo notturno non è possibile vederne nessuna.
Più piccola del nostro Sole, nessuna stella nana rossa è visibile ad occhio nudo, nemmeno Proxima Centauri, la stella più vicina a noi, distante solo 4,24 anni luce. Tuttavia, essendo le stelle più comuni e le più longeve, i cacciatori di esopianeti guardano soprattutto a loro.
In effetti, dei circa 4.000 esopianeti individuati dagli astronomi finora, la maggior parte orbitano attorno a stelle nane rosse, che sono deboli ed emettono radiazioni infrarosse piuttosto che luce visibile.
trovare la vita come conosciamo su un pianeta che orbita intorno ad una nana rossa, però, appare abbastanza problematico, infatti, pur essendo abbastanza deboli in confronto al nostro sole, queste stelle sembrano avere la tendenza ad emettere spesso esplosioni di radiazioni ad alta energia che rendono improbabile la vita su tutti i pianeti circostanti.
In realtà, l’obiettivo, e la speranza, degli astronomi che cercano nuovi esopianeti è quello di individuare un pianeta simile alla Terra in orbita intorno ad una stella ad una stella simile al Sole.
Oggi l’Istituto Max Planck per la ricerca sul sistema solare (MPS) di Gottinga riferisce che un nuovo progetto ha scoperto proprio questo: un pianeta simile alla Terra, probabilmente roccioso, chiamato KOI-456.04 che orbita attorno a una stella chiamata Kepler-160.

Ecco perché KOI-456.04 dovrebbe essere simile alla Terra:

  • Un anno su KOI-456.04 è di 378 giorni.
  • Riceve circa il 93 percento della luce solare ricevuta sulla Terra.
  • La sua temperatura superficiale sarebbe di +5º Celsius, in media -10º Celsius inferiore alla temperatura globale media della Terra, nel caso avesse un’atmosfera simile a quella della Terra.
  • È nella “zona abitabile” della sua stella dove potrebbe esistere acqua liquida sulla sua superficie.

In effetti, l’unica grande differenza tra KOI-456.04 e la Terra è che l’esopianeta è grande quasi il doppio della Terra. “È relativamente grande rispetto a molti altri pianeti considerati potenzialmente abitabili“, ha affermato il dott. René Heller, scienziato MPS e autore principale del nuovo studio. “Pur essendo grande poco meno del doppio della terra, la sua stella ospite di tipo solare che lo rende davvero speciale“.
Inoltre, KOI-456.04 è molto più piccolo della maggior parte dei pianeti trovati finora.

Ciò che ha attirato l’interesse degli astronomi del max plank, però, è stata proprio la stella. In termini di proprietà fisiche, Kepler-160 è un’immagine speculare virtuale del nostro Sole.

  • Il raggio di Kepler-160 è un decimo più grande del Sole.
  • La sua temperatura superficiale è di 5.200º Celsius, solo 300° C più fredda del Sole.
  • Ha una luminosità molto simile.
  • inonnda KOI-456.04 con lo stesso tipo di luce diurna che riceviamo sulla Terra.

In breve, Kepler-160 è il ritratto astrofisico della nostra stella madre, afferma l’MPS. “Il quadro completo dell’abitabilità implica anche uno sguardo alle qualità della stella“, ha affermato Heller.

La maggior parte degli esopianeti della missione Keplero hanno le dimensioni di Nettuno e in orbite relativamente vicine attorno alle loro stelle ospiti, dove le temperature su questi pianeti sarebbero troppo calde per l'acqua di superficie liquida (terzo pannello dall'alto). Quasi tutti i pianeti delle dimensioni della Terra noti per avere temperature superficiali potenzialmente simili alla Terra sono in orbita attorno a stelle nane rosse, che invece non emettono luce visibile ma radiazione infrarossa (pannello inferiore). La Terra è alla giusta distanza dal Sole avere temperature superficiali richieste per l'esistenza di acqua liquida. Il candidato al pianeta appena scoperto KOI-456.04 e la sua stella Kepler-160 (secondo pannello dall'alto) hanno grandi somiglianze con la Terra e il Sole (pannello superiore).
La maggior parte degli esopianeti individuati dalla missione Kepler hanno le dimensioni di Nettuno e sono relativamente vicini alla loro stella. – MPS / RENÉ HELLER

La presenza di KOI-456.04 è stata individuata usando un nuovo algoritmo di ricerca per rilevare minuscole variazioni nel periodo orbitale di Kepler-160 c. Gli astronomi sapevano già che Kepler-160 ospita altri due esopianeti – Kepler-160 b e Kepler-160 c – entrambi molto più grandi della Terra e posizionati in orbite più vicine alla stella rispetto a KOI-456.04.
Tuttavia, gli astronomi ammettono che la matematica coinvolta nella rivelazione dell’esistenza e delle condizioni di KOI-456.04 è così complessa che la rilevazione del pianeta potrebbe essere un colpo di fortuna statistico o un errore di misurazione. insomma, KOI-456.04 potrebbe non esistere.
Il team considera per KOI-456.04 una probabilità dell’85% di essere un pianeta reale e dato che ottenere lo status planetario formale richiede una certezza del 99%, questo pianeta simile alla Terra che orbita attorno a una stella simile al Sole saranno necessarie ulteriori prove perché ne sia ammessa ufficialmente l’esistenza.
Per ora, KOI-456.04 rimane un buon candidato“, ha concluso Heller.
ulteriori osservazioni su questo presunto pianeta potranno essere effettuate nel 2026, quando l’ESA lancerà il telescopio spaziale PLATO (progettato per studiare il Transito e le Oscillazioni delle stelle). La missione di PLATO sarà quella di scoprire pianeti delle dimensioni della Terra attorno a stelle simili al Sole.
Fonte: Astronomy&Astrophysics

---L'articolo continua dopo la pubblicità---