Epidemia da nuovo coronavirus, forse raggiunto il picco ma sui social ed i media impazza il dibattito sulle origini

Il calo delle nuove infezioni giornaliere in Cina è sempre più marcato e molti osservatori ipotizzano che l'epidemia abbia ormai superato il picco mentre il ministero cinese della scienza ha emesso nuove regole che impongono ai laboratori nazionali di rafforzare le loro misure di sicurezza biologica, cosa che, ovviamente, ha dato fiato alle ipotesi complottiste sull'origine del nuovo coronavirus.

0
863

Sembra che secondo un rapporto di alcuni medici cinesi abbiano affermato che COVID-19, la malattia indotta dal nuovo coronavirus, potrebbe essere ancora più mortale per i pazienti che la prendono di nuovo.
Secondo quanto riportato dal Taiwan Newsi medici che lavorano negli ospedali di Wuhan, epicentro dell’epidemia, hanno rivelato che alcuni pazienti sottoposti a cure mediche sono stati nuovamente infettati.
È altamente possibile essere infettati una seconda volta“, avrebbe detto uno dei medici, che ha rifiutato di essere identificato.
Il medico ha affermato che i farmaci usati per trattare il virus possono avere effetti collaterali negativi sul tessuto cardiaco dei pazienti, rendendoli più suscettibili all’arresto cardiaco.
Alcune persone si sono riprese dalla prima infezione grazie al proprio sistema immunitario, ma i farmaci in uso danneggiano il tessuto cardiaco e, in caso di reinfezione, gli anticorpi non aiutano ma peggiorano la situazione, portando facilmente a morte il paziente per insufficienza cardiaca ”, avrebbe detto il medico.
Il medico nell’intervista ha aggiunto che il virus ha “superato in astuzia tutti noi” dal momento che, sembrerebbe, che possa nascondere i sintomi della malattia fino a 24 giorni, cosa che va in contrasto con l’attuale convinzione che il periodo di incubazione possa durare al massimo due settimane.
Inoltre, sembra che spesso i pazienti infetti restituiscono falsi negativi ai test prima che alla fine venga diagnosticata la malattia.
Il nuovo coronavirus “Può ingannare il kit di test, ci sono stati casi in cui la TAC mostrava che entrambi i polmoni erano completamente infetti ma il test ha restituito risultati negativi per quattro volte“.
Ovviamente, si tratta di un’informazione priva dei crismi dell’ufficialità. I dati odierni parlano di un totale di 75.751 pazienti infetti confermati in tutto il mondo e di 2130 decessi. Il calo delle nuove infezioni giornaliere in Cina è sempre più marcato e molti osservatori ipotizzano che l’epidemia abbia ormai superato il picco.
Intanto, rilanciate dagli organi di stampa, continuano a rincorrersi voci contraddittorie sull’origine del virus.
Il coronavirus è emerso nella città cinese di Wuhan alla fine dello scorso anno, ma è nato come si è creduto all’inizio in un mercato in cui venivano venduti animali vivi insieme ai frutti di mare oppure c’è un’altra spiegazione che potrebbe essere collegata al principale istituto cinese che si occupa di virologia, patologia virale e malattie infettive emergenti?
I dibattiti sulla questione si sono scatenati online, e gli scienziati di tutto il mondo, come riportato da Science News la scorsa settimana, “si stanno scambiano dati e informazione, inclusi dettagli genetici sul virus“.
Le teorie della cospirazione nate dallo scoppio del coronavirus di Wuhan, ora chiamato SARS-CoV-2, ovviamente parlano di un’arma biologica cinese, deliberatamente o accidentalmente scaricata.
Il problema vero è la scarsa trasparenza mostrata anche in questa occasione da Pechino. Alcuni critici, pur non promuovendo necessariamente l’idea di un’arma biologica, mettono in discussione l’affermazione che la fonte sia partita dal mercato all’ingrosso del pesce di Wuhan.
Sui social si stanno sollevando domande su un possibile collegamento con il Wuhan Institute of Virology (WIV), situato a meno di nove miglia di distanza dal mercato.

Il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CCDC) afferma che i primi casi sono stati registrati il 21 dicembre. I ricercatori del CCDC hanno riferito che tra i tre pazienti adulti ricoverati in ospedale il 27 dicembre uno lavorava al mercato del pesce e uno lo frequentava spesso. (Le autorità cinesi hanno informato l’OMS il 31 dicembre e hanno chiuso il mercato il 1 ° gennaio)
Tuttavia, secondo un articolo firmato da 12 ricercatori cinesi, tra cui il vicedirettore dell’ospedale Jinyintan di Wuhan – pubblicato su The Lancet, una delle più importanti pubblicazioni di medicina del mondo “la data di inizio dei sintomi del primo paziente identificato si può far risalire al 1° dicembre 2019“, ovvero tre settimane prima di quanto afferma il CCDC.
Sulla base dei dati dei primi 41 pazienti confermati per COVID-19 trattati presso l’ospedale Jinyintan, i ricercatori hanno affermato che “non è stato trovato alcun legame epidemiologico tra il primo paziente e i casi successivi“.
(Screengrab: The Lancet)
(Screengrab: The Lancet)

In altre parole, il “paziente zero” non aveva precedenti di esposizione al mercato ittico.
Due terzi di questi 41 pazienti avevano un’esposizione al mercato, suggerendo che il mercato possa avere effettivamente funzionato come acceleratore dell’esplosione dell’epidemia ma potrebbe non esserne la fonte.
Il virus è entrato nel mercato alimentare, prima di uscirne“, ha detto il senatore Tom Cotton (R-Ark.) Domenica a Fox News, indicando il rapporto su The Lancet .
Quindi non sappiamo da dove sia nato. Ma sappiamo che dobbiamo andare fino in fondo“, ha detto Cotton. “Sappiamo anche che a pochi chilometri da quel mercato alimentare c’è l’unico super laboratorio cinese di livello 4 di biosicurezza che fa ricerca malattie infettive umane“.
Ora, non abbiamo prove che questa malattia abbia avuto origine lì, ma a causa della duplicità e della disonestà della Cina, dobbiamo almeno porci la domanda per vedere cosa dicono le prove“, ha continuato. “E la Cina in questo momento non sta fornendo alcuna risposta credibile su questa domanda“.

Feci di pipistrello

Un secondo motivo di scetticismo in alcuni ambienti riguarda la ricerca dell’origine del nuovo coronavirus nei pipistrelli.
Nextstrain.org, un’iniziativa scientifica collaborativa open source che monitora il coronavirus, ha affermato nel suo aggiornamento più recente che mentre l’origine rimane poco chiara, “l’analisi genomica suggerisce che [SARS-CoV-2] è più strettamente correlato ai virus precedentemente identificati nei pipistrelli“.
Science News riferisce che la mappatura genetica in corso “suggerisce che il nuovo coronavirus è strettamente correlato a un coronavirus del pipistrello identificato in Cina nel 2013“.

WIV è un laboratorio specializzato cinese in cui si studiano i coronaviru. Nel 2013 ha raccolto e mappato un coronavirus di pipistrello chiamato RaTG13 da feci di pipistrello prelevate da una grotta nella provincia cinese dello Yunnan.

Alcuni ricercatori della WIV hanno riferito nelle stesse settimane che SARS-CoV-2 condivide la sequenza del genoma per il 96 percento con RaTG13 dello Yunnan.
Tre anni fa Richard Ebright, professore di chimica e biologia chimica alla Rutgers University, è stato citato nella rivista Nature per avere espresso preoccupazioni per la sicurezza dei virus ad alto rischio presso la WIV.
All’inizio di questo mese, Ebright ha dichiarato alla BBC che il coronavirus RaTG13 è stato immagazzinato presso la WIV dal 2013 e che la possibilità che il nuovo focolaio fosse stato causato da un “incidente di laboratorio” non poteva essere esclusa.
Martedì, in una discussione su Twitter, Ebright ha esposto le possibili origini di SARS-CoV-2, che secondo lui avrebbe potuto verificarsi sia come “incidente naturale o come incidente di laboratorio“.
In uno scenario potenziale, un lavoratore che raccoglieva campioni di pipistrelli o maneggiava campioni di pipistrelli o virus di pipistrello in un laboratorio avrebbe potuto essere infettato dal “progenitore immediato del virus dell’epidemia”, ha affermato. “Dopo un breve adattamento all’essere umano nel paziente 0 e possibilmente in altri, si verifica un’epidemia.”
Il quotidiano Global Times, affiliato al Partito Comunista cinese, ha riferito questa settimana che il ministero cinese della scienza ha emesso nuove regole che impongono ai laboratori nazionali di rafforzare le loro misure di sicurezza biologica.
Ha citato un esperto di agenti patogeni all’Università di Wuhan, Yang Zhanqiu, affermando che il rilascio delle linee guida si riferisce a “fughe croniche nei laboratori“.
Yang ha respinto le teorie secondo cui SARS-CoV-2 sia stato “fatto trapelare” dal WIV, ma ha sollevato preoccupazioni sulle procedure di laboratorio in Cina in generale.
I rifiuti di laboratorio possono contenere virus, batteri o microbi creati dall’uomo con un impatto potenzialmente mortale su esseri umani, animali o piante. Alcuni ricercatori scaricano materiali di laboratorio nelle fognature dopo esperimenti senza uno specifico meccanismo di smaltimento biologico”, ha spiegato Yang al Global Times.

2