Entro dieci anni il primo sito per realizzare il primo reattore commerciale a fusione

STEP è in fase di sviluppo da un decennio, con sforzi precedenti seguiti da un periodo di ristrutturazioni concettuali. Ora, dicono i suoi ideatori, è il design tokamak più all'avanguardia pronto per diventare la prima centrale elettrica a fusione

723

Nel Regno Unito si progetta di scegliere un sito per la prima centrale elettrica a fusione al mondo. Come con la maggior parte dei progetti di fusione, questo progetto è probabilmente distante almeno un decennio.

Il progetto è davvero fattibile o è solo esagerazione?

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Prima di tutto occorre superare gli intoppi burocratici. Andare molto avanti nella scelta dei siti è intelligente, soprattutto quando una centrale elettrica a fusione sarà una delle primissime al mondo nel suo genere. Ciò significa creare nuove materie normative, eseguire test di idoneità ambientale e altro ancora. Questo sito teoricamente ospiterà lo Spherical Tokamak for Energy Production (STEP), un reattore a fusione tokamak di prossima generazione che potrebbe essere inaugurato nel 2030 e avviare la fusione con produzione di energia già nel 2040.

STEP è in fase di sviluppo da un decennio, con sforzi precedenti seguiti da un periodo di ristrutturazioni concettuali. Ora, dicono i suoi ideatori, è il design tokamak più all’avanguardia pronto per diventare la prima centrale elettrica a fusione.

Pianificare e realizzare il progetto dovrebbe costare più di 2,5 miliardi di dollari. New Scientist riferisce che secondo gli esperti il costo per megawatt di questo impianto è cinque volte il costo di un impianto di fissione tradizionale.

L’idea della selezione del sito è uno dei principali modi in cui differiscono la fusione e la fissione. Prestiamo molta attenzione alla tecnologia che alimenta questi impianti, il che è positivo, ma i loro costi operativi spesso si riducono alla semplice logistica che deve essere coperta. Nei reattori ad acqua leggera che possono teoricamente fondersi, gran parte del costo di costruzione, manutenzione e persino del personale riguarda il problema del contenimento. Strati di sicurezza ridondanti sono costruiti attorno al reattore che alimenta l’impianto.
Molti dei concetti all’avanguardia dei piccoli reattori odierni sono “intrinsecamente sicuri” grazie alla progettazione, alla fisica e persino ai materiali usati per creare reattori che si spengono da soli. I reattori a fusione, che raggiungono temperature di milioni di gradi, hanno avviato un intero nuovo campo di sicurezza dei reattori. Quel paradigma deve essere costruito da zero.

Le temperature estremamente elevate fanno sembrare i reattori a fusione pericolosi, quando in realtà finora li ha resi estremamente inefficienti dal punto di vista energetico. Ma una “fusione” in un reattore a fusione rilascerebbe comunque una grande quantità di materiale radioattivo, probabilmente sotto forma di trizio in base ai progetti avviati in questo momento.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il trizio è un isotopo radioattivo dell’idrogeno, il che significa che non solo causerà contaminazione radioattiva, ma gli atomi dell’isotopo si legheranno con quasi tutto ciò che entreranno in contatto.

Quindi la scelta del sito sembra facile, ma il processo sia per sceglierlo che per approvarlo comporterà molto di più del semplice acquisto di immobili vicino alle linee elettriche. Occorre sviluppare questi piani al più presto perché averli pronti quando verrà raggiunta la prima ignizione darà la possibilità di ottimizzare i tempi per arrivare a avviare la prima centrale elettrica a fusione commerciale.

Fonte:
https://www.popularmechanics.com/science/energy/a34850835/worlds-first-nuclear-fusion-power-plant/