Deludente e con molti omissis l’attesa relazione sul fenomeno UAP

Il rapporto, pubblicato venerdì, rivela che mentre i funzionari dell'intelligence non credono che la vita aliena sia responsabile delle dozzine di segnalazioni di fenomeni aerei non identificati (UAP), non possono spiegare cosa sia

0
1566

Se l’idea che siamo dagli alieni sembra troppo da contemplare, la tesi che gli oggetti straordinari ripresi nei filmati dei piloti militari americani siano opera di nazioni rivali terrestri sembra solo leggermente meno inverosimile – e allo stesso tempo, profondamente preoccupante per gli esperti di sicurezza statunitensi.

Nel fare pressione per la pubblicazione del rapporto del Pentagono sugli UFO, i leader del Congresso informati sull’intelligence hanno indicato l’urgente minaccia alla sicurezza implicita nei “fenomeni aerei inspiegabili”.

Se ci sono oggetti che sorvolano installazioni militari che potrebbero rappresentare una minaccia per la sicurezza… [devono] essere declassificati e rivelati al pubblico americano“, ha detto alla televisione Fox 8 il presidente democratico della commissione per le relazioni estere del Senato, Mark Warner. “Se c’è qualcosa là fuori, cerchiamolo, ed è probabilmente una potenza straniera“.

Il rapporto, pubblicato venerdì, rivela che mentre i funzionari dell’intelligence non credono che la vita aliena sia responsabile delle dozzine di segnalazioni di fenomeni aerei non identificati (UAP), non possono spiegare cosa sia.

Il rapporto afferma inoltre che la maggior parte degli incidenti UAP rientrano in cinque possibili categorie: “disordine aereo, fenomeni atmosferici naturali, programmi di sviluppo dell’industria statunitense, sistemi avversari stranieri e una serie di altri fenomeni non spiegabili. Gli UAP, inoltre, possono rappresentare una sfida alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti”.

Ha detto che non ci sono prove che gli oggetti sianoo collegati a un altro paese come la Russia o la Cina, ma non si può escludere la possibilità.



Marik Von Rennenkampff, che ha prestato servizio al Pentagono e analista presso l’ufficio per la sicurezza internazionale e la non proliferazione del dipartimento di stato, ha affermato che se ci fosse una potenza straniera dietro l’aereo visto dai piloti e dai radar statunitensi, mostrerebbe di avere compiuto un salto tecnologico mozzafiato – e l’intelligence statunitense sarebbe responsabile di un immenso fallimento.

Entrambe le cose sono ritenute altamente improbabili.

La Cina ha problemi ben documentati con i motori a reazione di base, si affidano allo spionaggio per sviluppare i loro sistemi d’arma più avanzati. Quindi, difficile che la Cina abbia sviluppato sistemi così rivoluzionari ed evoluti“, ha detto Von Rennenkampff. “La Russia ha un budget per la difesa che è una frazione degli Stati Uniti e gran parte delle sue infrastrutture militari si stanno sgretolando, quindi faccio fatica a credere anche a questo“.

Quindi se è la Cina o la Russia, si tratta di un fatto straordinario“, ha aggiunto. “Non so come abbiano fatto, e sarebbe un enorme fallimento dell’intelligence degli Stati Uniti, di un’ordine di grandezza peggiore dell’11 settembre“.

Jack Weinstein, professore di sicurezza internazionale all’Università di Boston ed ex tenente generale dell’aeronautica statunitense, ha dichiarato: “Se una potenza straniera avesse una tecnologia in grado di funzionare in quel modo, sia a livello di propulsione che di aerodinamica, sarebbe terribile scoprirlo durante un conflitto”.

“E se una potenza straniera stesse effettivamente testando apparecchiature davvero hi-tech, è più probabile che le testerebbe in un’area protetta del loro paese, dove non possano essere viste”, ha aggiunto Weinstein.

Un’altra opzione è che una potenza straniera abbia sviluppato aerei senza pilota in grado di ingannare radar e strumenti statunitensi mostrando loro le incredibili velocità e i cambi di direzione che sono stati segnalati.

Thomas Bania, professore di astronomia alla Boston University, ha dichiarato: “Non c’è bisogno di invocare una potenza straniera per spiegare una tecnologia così tanto superiore, molto superiore“.

Se fossi io a gestire il loro spettacolo di guerra elettronica, costruirei piccoli droni e li riempirei di dispositivi elettronici che monitorerebbero e registrerebbero tutto ciò che i nostri radar militari inviano loro“, ha detto Bania.

In definitiva, il rapporto conferma che i fenomeni osservati non fanno parte di alcuna operazione militare statunitense.

Il Pentagono ha studiato oltre 140 incidenti UAP segnalati dai piloti della marina negli ultimi due decenni per il rapporto. Molti sono stati visti dall’estate del 2014 alla primavera del 2015.

Mentre il rapporto afferma che alcuni incidenti potrebbero essere il risultato di errori tecnologici nei sensori o negli osservatori, ha osservato che la maggior parte degli UAP segnalati “probabilmente rappresentano oggetti fisici” poiché sono stati registrati su più sensori.

L’unico episodio UAP che i funzionari dell’intelligence sono stati in grado di identificare “con grande fiducia” si è rivelato “un grande pallone sgonfio“.

Gli altri rimangono inspiegabili“, si legge nel rapporto.

La pubblicazione del rapporto copre un’attesa di sei mesi, dal momento che un gruppo di funzionari eletti è riuscito a includere l’Intelligence Authorization Act per l’anno fiscale 2021 in un disegno di legge da 2,3 trilioni di dollari firmato da Donald Trump lo scorso dicembre.

L’atto ordinava alle agenzie governative di fornire una “analisi dettagliata dei dati e delle informazioni sui fenomeni aerei non identificati” e “una descrizione dettagliata di un processo interagenziale” per la segnalazione dell’UAP”.

Ad agosto, il Pentagono ha resuscitato un braccio investigativo UAP, chiamandolo UAP Task Force e indirizzandolo a “rilevare, analizzare e catalogare gli UAP che potrebbero potenzialmente rappresentare una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti“. La task force e l’ufficio del direttore dell’intelligence nazionale hanno redatto il rapporto.

Il rapporto rileva che solo dal 2019 il governo dispone di un sistema di segnalazione standardizzato per gli UAP, quindi “dati limitati e incoerenza nelle segnalazioni” sono state una sfida nelle indagini.

La quantità limitata di rapporti di alta qualità sui fenomeni aerei non identificati (UAP) ostacola la nostra capacità di trarre conclusioni definitive sulla natura o l’intento degli UAP“, si legge nel rapporto.

La discussione sugli UFO – a livello di governo o al di fuori di esso – è stata stigmatizzata per decenni. Mentre alcuni hanno utilizzato i materiali UAP per alimentare ipotesi su controlli extraterrestri, i funzionari hanno indicato la possibile minaccia che gli UAP provengano da un avversario che utilizza una tecnologia sconosciuta agli Stati Uniti.

In questo paese abbiamo avuto incidenti in cui questi UAP hanno interferito e hanno effettivamente messo fuori uso le nostre capacità nucleari“, ha detto al Washington Post Luis Elizondo, ex direttore dell’Advanced Aerospace Threat Identification Program, la precedente iterazione della task force UAP del Pentagono. Elizondo si è dimesso nel 2017, frustrato dal fatto che gli UAP non fossero preso abbastanza sul serio dai leader della difesa.

Abbiamo anche dati che suggeriscono che in altri paesi queste cose hanno interferito con la loro tecnologia nucleare“.

Mentre al governo degli Stati Uniti è stato ordinato di pubblicare il rapporto non classificato, gli esperti hanno affermato che un allegato classificato, che il pubblico non vedrà, contiene alcuni dei dettagli più succosi.

Negli ultimi anni, la pubblicazione di video del governo che mostrano cose volanti inspiegabili ha fornito prove più solide che qualcosa, alieno o no, sia là fuori.

I filmati di due avvistamenti nel 2015 e un terzo nel 2004 ripresi durante voli di addestramento sono diventati virali online dopo che sono trapelati. Il Pentagono ha infine confermato l’autenticità del filmato e lo ha rilasciato al pubblico nel 2020.

Uno dei video mostra un oggetto simile a una trottola volante che si libra nell’aria. “Guarda quella cosa!” si sente dire stupito uno dei piloti.

Ad aprile, sono trapelate online altre foto e video realizzati dal personale della marina statunitense , che mostrano oggetti di forma triangolare che si muovono in cielo. A maggio, filmati militari trapelati mostravano un oggetto volante ovale vicino a una nave della marina statunitense al largo di San Diego, un apparente hotspot per l’UAP.

I membri della marina statunitense hanno visto spesso l’UAP. Ryan Graves, un pilota in pensione, ha detto che i piloti militari hanno visto UAP nello spazio aereo ristretto a sud-est di Virginia Beach “ogni giorno” nel 2014.

Ogni giorno per almeno un paio d’anni“, ha detto Graves.

In una dichiarazione rilasciata venerdì dopo la pubblicazione del rapporto, il senatore repubblicano Marco Rubio, che è stato un convinto sostenitore delle indagini sugli UAP, ha celebrato il rapporto ma ha sottolineato che è “solo un primo passo“.

Per anni, gli uomini e le donne di cui ci fidiamo per difendere il nostro Paese hanno riportato incontri con aerei non identificati che hanno capacità superiori e per anni le loro preoccupazioni sono state spesso ignorate e ridicolizzate“, ha detto Rubio. “Il Dipartimento della Difesa e la comunità dell’intelligence hanno molto lavoro da fare prima di poter effettivamente capire se queste minacce aeree rappresentano un serio problema per la sicurezza nazionale“.

2